Le nostre attività

Le attività che l’Associazione USEI-APS si propone di portare avanti in generale sono:

• Comunicazione e divulgazione della cultura ecuadoriana e dei temi sull'immigrazione.
• Attività ludiche e didattiche (corsi di lingua spagnola e italiana) a favore della comunità.
• Realizzazione di progetti di cooperazione internazionale.
• Educazione e sensibilizzazione alla conservazione ambientale.
• Collaborazione e supporto alla rete delle associazioni liguri e nazionali e degli altri attori attivi nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.
• Partenariati strategici con enti e associazioni per ottimizzare il raggiungimento di medesimi obiettivi.
• Coordinamento delle varie attività interculturali proposte da enti pubblici.
• Costituzione della Corale “Canto Senza Frontiere”con la partecipazione di cittadini italiani
e stranieri, Progetto avviato in collaborazione con l’AUSER Savona.
• Sostegno a famiglie (italiane e straniere) in difficoltà attraverso distribuzione di generi alimentari e materiale scolastico raccolti grazie alla collaborazione della COOP Liguria
• Info Point, sportello per i cittadini stranieri col patrocinio del Comune di Savona
• Turismo Sociale, viaggi periodici in Ecuador

Incontro “IL PLAN CONDOR 2.0 La storia si ripete in America Latina”

Domenica 30 ottobre 2016 a Savona, alle ore 17.00 presso la propria sede sociale, sita in via Giacchero snc angolo Corso Colombo, l’Associazione USEI (Unione di Solidarietà degli Ecuadoriani in Italia) in collaborazione con Babelatino (Piattaforma di Comunicazione Libera ed Interculturale) e col patrocinio di Rifondazione Comunista di Savona, organizza l’incontro “IL PLAN CONDOR 2.0 La storia si ripete in America Latina” con la partecipazione del giornalista ecuadoriano Orlando Pérez, direttore del giornale “El Telégrafo”, uno dei più autorevoli quotidiani dell’Ecuador.

Il tema dell’incontro fa riferimento ad una possibile nuova edizione dell’interferenza del governo statunitense nella politica interna di vari paesi latinoamericani, come accade tra gli anni cinquanta e settanta, quando la politica degli USA ha sostenuto e favorito una serie di regimi con lo scopo di garantire i propri interessi e contenere le nascenti rivendicazioni sociali di ciascun popolo, malgrado fossero regimi feroci e violenti.

Orlando Pérez, scrittore ecuadoriano, studioso di letteratura, giornalista pluripremiato, laureato in Scienze della Comunicazione nell’Università dell’Habana Cuba. Tra le sue opere si contano: “Cuba, los años duros” (Cuba, gli anni difficili), “La celebración de la libertad” (La celebrazione della libertà), “La ceniza del adiós” (Le cenere dell’addio”), “Wikileaks en la mitad del mundo” (Wikileaks nella metà del mondo).

Ha collaborato con vari mass media dell’Ecuador e Mexico; partecipato nelle negoziazioni di pace tra le FARC e il Governo Colombiano; coordinatore di un’ampia rete della società civile chiamata “Coalición Acceso” per la elaborazione y approvazione della Legge Organica di Trasparenza e Acceso alla Informazione Pubblica dell’Ecuador; Segretario di Comunicazione dell’Assemblea Nazionale dell’Ecuador; Viceministro della Segreteria dei Popoli, Movimenti Sociali e Partecipazione Cittadina del Governo Ecuadoriano e dal gennaio 2012 direttore di “El Telégrafo”, uno dei principali quotidiani dell’ Ecuador.

Al termine della sua conferenza, Orlando Pérez presenterà il suo ultimo libro: “Caso Chevron. La verdad no contamina” (Caso Chevron, la verità non inquina), una raccolta delle indagini, rivelazioni e testimonianze pubblicate da El Telégrafo sul danno provocato dalla Texaco-Chevron durante tre decade di estrazione petrolifera nell’amazzonia ecuadoriana.

Il pubblico è cordialmente invitato.

Responsabile di questo comunicato: LUCA TORASSA, Volontario dell’USEI
Cell: +39 346 8217 504
Email: info@usei.it